Quali standard soddisfano i progetti per la tutela del clima di myclimate?

myclimate adotta nella scelta e strutturazione dei propri progetti per la tutela del clima solo gli standard qualitativi indipendenti più rigorosi, tra cui CDM, Gold Standard e Plan Vivo.

Ciò significa che devono essere soddisfatti i seguenti criteri:

  • Addizionalità: il progetto non sarebbe stato implementato senza il finanziamento mediante certificati CO₂
  • Durevolezza: deve essere garantita una durata minima
  • Esclusione della doppia contabilizzazione: per poter misurare direttamente l’effetto sulla protezione del clima, è necessario tenere una contabilità esatta delle emissioni di gas serra risparmiate e dei certificati non più validi.
  • Validazione da parte di terzi: i progetti devono essere certificati da una terza istanza.

I progetti riducono le emissioni, sostituendo con fonti di energia rinnovabili le fonti di energia fossili dannose per il clima o promuovendo tecnologie energeticamente più efficienti, nonché conservando il CO₂ in sink biosferici. Il portafoglio myclimate spazia da impianti solari a impianti di trattamento delle acque potabili, da progetti di compostaggio, riciclaggio o di fornelli efficienti, fino a iniziative di rimboschimento e rinaturalizzazione. Oltre a questa pura compensazione di CO₂, i progetti presentano sempre più anche localmente dei vantaggi per la popolazione e l’ambiente. In questo modo vengono creati posti di lavoro, le infrastrutture vengono migliorate e i rischi per la salute vengono ridotti, la varietà delle specie è protetta oppure vengono migliorate le opportunità di formazione. myclimate specifica in modo trasparente quale dei cosiddetti Sustainable Development Goal (SDG) delle Nazioni Unite ciascun progetto contribuisca a raggiungere.

Nell’implementazione dei progetti per la tutela del clima myclimate lavora in stretta collaborazione con partner esperti e indipendenti nei rispettivi Paesi. Questi partner locali assicurano che i progetti siano implementati in modo professionale sul posto e ne valutano l’effetto regolarmente. I progetti per la tutela del clima vengono inoltre passati al vaglio di un’istanza esterna a cadenza annuale.

 

Progetti internazionali per la protezione del clima

Gold Standard

Il Gold Standard è uno standard di qualità indipendente, che premia i progetti di compensazione di CO₂ di maggior pregio. È stato creato nel 2003 dal WWF e da altre organizzazioni per la protezione del clima e assicura il rispetto degli standard qualitativi più elevati, sia per i progetti realizzati nell’ambito del Clean Development Mechanism (CDM) sia per quelli che si svolgono sulla base dell’offsetting volontario. Oltre all’effettiva riduzione del CO₂, i progetti premiati con il Gold Standard contribuiscono anche allo sviluppo sostenibile nella rispettiva regione di progetto, secondo gli SDG dell’ONU.

Plan Vivo

Plan Vivo è nato nel 1996 ed è il primo standard per la certificazione di progetti per la tutela del clima nel settore dell’utilizzo del suolo. Ricevono il label i progetti di utilizzo dei boschi e di rimboschimento che soddisfino gli standard più rigorosi. Da un lato i progetti devono essere ancorati e organizzati localmente e le famiglie di piccoli agricoltori devono ricevere almeno il 60 percento del denaro destinato alla protezione del clima. Inoltre, i progetti devono perseguire un approccio a 360° e, oltre a favorire il rimboschimento, devono anche combattere la deforestazione e la povertà. Sono queste le qualità che rendono Plan Vivo uno degli standard più credibili e forti al mondo.

CDM

I progetti CDM vengono controllati da un ufficio riconosciuto dalle Nazioni Unite e da altri uffici indipendenti. Questi cosiddetti Credit sono nati nell’ambito del meccanismo per lo sviluppo sostenibile come uno dei tre meccanismi flessibili previsti dal protocollo di Kyoto per la riduzione delle emissioni di gas serra. L’obiettivo consiste nel supportare i Paesi in via di sviluppo a raggiungere uno sviluppo sostenibile e a prevenire che essi contribuiscano a un dannoso cambiamento climatico. Il meccanismo contribuisce facendo in modo che le riduzioni delle emissioni avvengano dove i costi sono minori. Il carico economico per il raggiungimento degli obiettivi di Kyoto pertanto si riduce. L’idea di base consiste nel fatto che il luogo in cui le emissioni vengono ridotte fondamentalmente è di secondaria importanza. Dal punto di vista globale è infatti decisivo che vi sia una riduzione effettiva delle emissioni. In questo modo i Paesi industrializzati vengono aiutati a rispettare i loro obblighi quantificati di limitazione e riduzione delle emissioni in base al protocollo di Kyoto. Le misure implementate nell’ambito di questo meccanismo di riduzione delle emissioni generano certificati di risparmio, i cosiddetti Certified Emission Reduction (CER), che possono essere poi assegnati ai Paesi industrializzati come obiettivi di risparmio. Un CER certifica una riduzione di emissioni di una tonnellata di equivalenti CO₂.

Per poter proseguire con il processo di protezione del clima internazionale dopo il 2020, era necessario stipulare un nuovo accordo sul clima, che è stato siglato nel 2015 alla COP di Parigi con il nome di «Accordo di Parigi».

 

Progetti per la tutela del clima in Svizzera

UFAM/UFE

La Legge sul CO₂ e la relativa Ordinanza sul CO₂ costituiscono la base legale per l’implementazione di progetti di compensazione del CO₂ nel mercato del CO₂ vincolante in Svizzera. L’Ufficio federale dell’ambiente (UFAM), di concerto con l’Ufficio federale dell’energia (UFE), ha elaborato delle raccomandazioni sull’implementazione di queste disposizioni di legge e le ha illustrate nella comunicazione esecutiva «Progetti e programmi di riduzione delle emissioni in Svizzera».

CH VER

Le Verified Emission Reduction (VER) avvengono su base volontaria. Le myclimate CH VER Guidelines servono come base per lo sviluppo e la registrazione dei progetti per la tutela del clima in Svizzera. Le linee guida sono state sviluppate in base alle rigorose disposizioni del Gold Standard e della comunicazione esecutiva dell’UFAM e dell’UFE e su misura dei progetti in Svizzera. Tutti i progetti vengono controllati da auditor esterni indipendenti e, a causa della mancata certificazione con uno standard ufficiale, vengono insigniti di certificati di progetti per la tutela del clima internazionali.

Con i calcolatori di CO₂ di myclimate potete calcolare e compensare le emissioni di CO₂.

 

Compensare ora

Rimanga informato/a!