Cucinare con i resti delle pannocchie di mais anziché con il carbone in Cina

Tipo di progetto: Biomassa , Fornelli efficienti

Sede del progetto: Provincia di Shanxi, Hubei e Guizhou, Cina

Stato del progetto: In corso, nessuno certificato disponibile

Riduzione CO₂ annuale: 399 501 t

Il progetto prevede la sostituzione dei tradizionali fornelli a carbone nelle unità abitative rurali della provincia di Hubei e Guizhou in Cina con fornelli a gas pulito e alimentati da tutoli di mais (residui non utilizzati delle pannocchie). Attraverso la sostituzione del carbone con questa biomassa si riducono le emissioni di CO₂ e si migliora la qualità dell’aria nelle abitazioni, e di conseguenza anche la salute di donne e bambini.

250‏

dollari risparmiati ogni anno sui combustibili fossili

136 000

fornelli efficienti installati

1‏

milione di tonnellate di carbon fossile evitate

In Cina, la disparità tra campagna e città è particolarmente marcata per quanto riguarda la fornitura energetica delle abitazioni. Mentre nelle regioni più ricche si utilizzano con sempre maggiore frequenza combustili più puliti a base di petrolio, complessivamente almeno il 50 percento delle unità abitative continuano a essere dipendenti da combustibili solidi come legna e carbone. L’impiego di combustibili solidi è causa di inquinamento dell’aria e, in base a una stima dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), è responsabile ogni anno di 450 000 morti precoci nella sola Cina.

Ciò che apprezzo particolarmente del nuovo fornello, oltre alla semplicità di gestione, è la possibilità di risparmiare molto denaro. Finalmente non devo più comprare carbone. È fantastico, ognuno qui a Shanxi dovrebbe averne uno.

Li Xiaoxia, proprietaria di un fornello Jinqilin dal 2009

myclimate, Impact Carbon e la China Association of Rural Energy Industry (CAREI) hanno avviato una collaborazione al fine di ridurre l’impatto sulla salute e sul clima nella Cina rurale a seguito dell’impiego non efficiente di combustibili sporchi come il legno o il carbone per l’approvvigionamento energetico delle abitazioni. Questa partnership incentiva l’impiego di tecnologie pulite ed efficienti in tutta la Cina, che possono essere utilizzate nelle abitazioni per cucinare, riscaldare e trattare l’acqua.

Il carbon fossile ci costava 1 500 yuan all’anno. Ora il fornello a gas ci consente di risparmiare molto denaro ed è più pratico. In primavera piantiamo i semi. Il mais viene quindi venduto sul mercato d’estate, mentre utilizziamo i residui per la cottura con il fornello a gas.

Nie Bianyu, utilizzatrice del fornello a gas, Cina

Gli introiti dalla vendita dei certificati di emissione sul mercato volontario del CO₂ sono reinvestiti nel progetto e sovvenzionano campagne formative, misure per il controllo della qualità, interventi di miglioramento della catena di fornitura e altre attività.

 

Questo progetto contribuisce a nove OSS:

Le famiglie risparmiano 1 000 dollari in combustibili fossili per i cinque anni di durata di vita del forno e 80 euro per ogni euro speso per il forno.

516 027 persone beneficiano di una migliore qualità dell’aria.

Le donne risparmiano tempo e denaro.

136 000 fornelli sono stati installati in tre province.

278 posti di lavoro sono stati creati.

Produzione sostenibile dei fornelli.

Più di un milione di tonnellate di carbon fossile sono state evitate dall’inizio del progetto. Ogni stufa consente di evitare circa 4,5 t CO₂ all’anno.

Reimpiego come fonte di energia della biomassa altrimenti inutilizzata.

Il progetto rafforza il partenariato globale per lo sviluppo sostenibile

Situazione senza progetto

Cottura con carbone e combustibile non rinnovabile

Standard di progetto

Numero progetto

7136

Rimanga informato/a!