FAQ

Cambiamento climatico

Cos’è il cambiamento climatico?

Da milioni di anni il clima del nostro pianeta ha registrato continue oscillazioni. Dall’inizio dell’industrializzazione, tuttavia, la composizione dell’atmosfera è cambiata a causa delle emissioni dei gas serra. Questo riscaldamento antropico acuisce l’effetto serra naturale, provoca un percepibile cambiamento del clima e si ripercuote sensibilmente sull’uomo e sulla natura.

Maggiori informazioni

Quali sono le cause del cambiamento climatico?

Il riscaldamento globale verificatosi negli ultimi anni è ascrivibile per oltre il 95 percento delle probabilità all’uomo. La valutazione dei rischi del cambiamento climatico causato dall’uomo e l’individuazione di strategie di adeguamento e prevenzione spetta al Gruppo intergovernativo di esperti sul cambiamento climatico (IPCC), un istituto internazionale creato dal Programma delle Nazioni Unite per l’ambiente (UNEO) e dall’Organizzazione meteorologica mondiale (WMO).

Maggiori informazioni

Quali sono le conseguenze del cambiamento climatico e del riscaldamento globale?

Il cambiamento climatico modifica l’equilibrio della temperatura terrestre e ha forti ripercussioni sull’uomo e sull’ambiente. Nel quadro di questo riscaldamento globale, il bilancio energetico e quindi la temperatura terrestre vengono modificati a causa della maggiore concentrazione di gas serra, che si ripercuotono pesantemente sull’uomo e sull’ambiente.

Maggiori informazioni

Cosa sono i gas serra?

I gas serra sono i gas presenti nell’atmosfera terrestre che producono il cosiddetto effetto serra. La maggior parte dei gas serra ha un’origine naturale, ma esistono anche gas serra di origine antropica (generata dall’uomo).

Maggiori informazioni

Cos’è l’effetto serra?

L’effetto serra è un processo sostanzialmente naturale che determina in larga misura la temperatura sulla terra. Tuttavia, dall’inizio dell’industrializzazione, la presenza dei gas serra di lunga durata è aumentata drasticamente.

Maggiori informazioni

Cos’è e come si forma il CO₂?

Il biossido di carbonio (CO₂) è un gas incolore e inodore che, in quanto parte del ciclo del carbonio, è parte integrante naturale della nostra aria.

Maggiori informazioni

Cosa sono le CO₂ equivalenti?

Le CO₂ equivalenti (CO₂e) sono un’unità di misura necessaria per esprimere in modo uniforme l’impatto sul clima dei diversi gas serra.

Maggiori informazioni

Chi produce il CO₂?

Circa l’84 percento di tutte le emissioni di CO₂ antropiche (generate dall’uomo) provengono da settori come produzione di elettricità e calore, agricoltura, industria e trasporti.

Maggiori informazioni

Ma cosa significa «clima»?

Gli scienziati intendono con il termine «clima» le condizioni meteorologiche. Sebbene questo termine sia piuttosto astratto, la sua azione è molto reale. Qual è la differenza tra meteo e clima? E quali sono i fattori climatici?

Maggiori informazioni

Politica climatica e protezione del clima

Cos’è la sostenibilità?

La definizione ecologica di sostenibilità proviene dal cosiddetto rapporto Brundtland del 1987, che descrive lo sviluppo sostenibile come uno sviluppo che soddisfa le esigenze del passato senza tuttavia compromettere lo stato delle generazioni future.

Maggiori informazioni

Quali sono gli obiettivi di sviluppo sostenibile (OSS)?

Gli obiettivi di sviluppo sostenibile (OSS/SDG Sustainable Development Goal) sono obiettivi universali generali per tutti gli Stati membri dell’ONU, concordati come successori dei Millenium Goal nel settembre del 2015. Tutte le persone al mondo devono poter vivere entro il 2030 in una società più equa, agiata e pacifica.

Maggiori informazioni

Cosa sono i progetti per la tutela del clima?

I progetti per la tutela del clima favoriscono l’utilizzo di energie rinnovabili, realizzano misure di efficienza energetica o riducono le emissioni di metano. Ciò può avvenire grazie a progressi tecnologici, al filtraggio dei gas serra nelle centrali elettriche e negli stabilimenti produttivi, ma anche attraverso la riforestazione e altre misure idonee in agricoltura.

Maggiori informazioni

Quali standard soddisfano i progetti per la tutela del clima di myclimate?

myclimate adotta nella scelta e strutturazione dei propri progetti per la tutela del clima solo gli standard qualitativi indipendenti più rigorosi, tra cui CDM, Gold Standard e Plan Vivo.

Maggiori informazioni

Quali sono le misure e soluzioni ragionevoli contro il cambiamento climatico?

Tutti possono contribuire alla protezione del clima! Fedelmente al motto «evitare, ridurre e compensare», possiamo assumerci la responsabilità della nostra impronta ecologica, ovvero anche per le nostre emissioni di CO. Tra le principali cause quotidiane delle emissioni nocive vi sono i viaggi in auto o aereo, ma anche il riscaldamento e l’utilizzo di corrente elettrica, oltre che le proprie abitudini alimentari.

Maggiori informazioni

Cosa sono il Protocollo di Kyoto e l’Accordo di Parigi?

Nel corso della Conferenza delle Nazioni Unite su ambiente e sviluppo del 1992 a Rio de Janeiro è stata adottata la Convenzione quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici (UNFCCC) con l’obiettivo di stabilizzare le concentrazioni di gas serra nell’atmosfera a un livello sostenibile e quindi prevenire gravi conseguenze. Dopo la ratifica da parte del 50° Stato, la Convenzione è entrata in vigore nel 1994.

Maggiori informazioni

Cos’è la Legge sul CO₂ svizzera?

La revisione della Legge sul CO₂ svizzera è stata respinta il 13 giugno 2021 da una risicata minoranza della popolazione svizzera chiamata a esprimersi alle urne. Sono attualmente in corso consultazioni per valutare quali misure contemplate nel pacchetto possano essere utilizzate altrimenti e quali misure debbano essere prolungate dalla Legge sul CO₂ attuale. A questo punto deve essere elaborata una nuova proposta di legge completa, che sarà sottoposta al vaglio delle istanze politiche. Gli esperti concordano sul fatto che una tale proposta sia necessaria, se si vuole che la Svizzera soddisfi i propri obblighi internazionali nel rispetto dell’Accordo di Parigi.

Maggiori informazioni

Cos’è il mercato delle emissioni?

In Europa, America del Nord, Australia e Nuova Zelanda sono stati introdotti dei sistemi nazionali e regionali di scambio di quote di emissione per regolamentare le industrie caratterizzate da un elevato fabbisogno energetico e da elevati livelli di emissione attraverso un meccanismo di mercato, che riguarda tuttavia solo pochi settori. Il mercato delle emissioni riduce in base a principi economici di mercato le emissioni di gas nocivi per il clima, stimolando così gli investimenti in tecnologie ecologiche.

Maggiori informazioni

Emissioni e impronta ecologica

Cos’è un’impronta ecologica?

L’impronta ecologica (Ecological Footprint) è stata sviluppata a metà degli anni Novanta del secolo scorso da Mathis Wackernagel e William Rees e si è affermata come indicatore della sostenibilità. Indica quanto l’ecosistema e le risorse naturali della terra vengano sollecitati.

Maggiori informazioni

Cos’è l’impronta di carbonio digitale?

La trasformazione digitale ha portato molti vantaggi, che generano effetti positivi anche nella lotta contro il cambiamento climatico e riducono le emissioni di CO₂. La produzione, l’utilizzo e la trasmissione dati dei dispositivi digitali provoca emissioni di CO₂ maggiori di quanto si pensi. Queste emissioni vengono raggruppate sotto il concetto di «impronta di carbonio digitale», oppure Digital Carbon Footprint.

Maggiori informazioni

Cos’è la neutralità climatica?

Le attività sono climaticamente neutre o a emissioni zero di CO se non generano emissioni di gas serra, ovvero se non hanno un impatto sul clima.

Maggiori informazioni

Cosa significa «zero emissioni nette»?

«Zero emissioni nette» entro il 2030 o il 2050 è l’obiettivo posto dal movimento ambientalista globale creato da Greta Thunberg. Tuttavia cosa significa realmente «zero emissioni nette»?

Maggiori informazioni

Cosa sono i Science-Based Target (SBT)?

Gli SBT sono un nuovo approccio per definire gli obiettivi di riduzione delle emissioni per le aziende. Contrariamente ai «potential based targets» tradizionali, gli SBT seguono un approccio «top-down» e si concentrano sulla quantità di emissione che va ridotta per raggiungere gli obiettivi dell’Accordo di Parigi – la limitazione del riscaldamento globale a 1,5 °C.

Maggiori informazioni

Cosa sono le «emissioni negative»?

Per raggiungere le zero emissioni nette e limitare il riscaldamento terrestre a 1,5 °C, è necessario sottrarre CO₂ dall’atmosfera e depositarlo in modo durevole. Questo processo viene chiamato «rimozione del biossido di carbonio» (ingl. Carbon Dioxide Removal, CDR). Essendo l’opposto delle emissioni, queste procedure o tecnologie vengono definite spesso come «emissioni negative» o «sink biosferici». Vi è una correlazione diretta tra lo zero nelle emissioni nette e nella rimozione del CO₂: quanto prima si raggiunge lo zero nelle emissioni nette, tanto meno riduzione di CO₂ sarà necessaria. Pertanto le previsioni rispetto alla rimozione di CO₂ prevista per il 21° secolo variano e spaziano da 100 a 1’000 Gt CO₂.

Maggiori informazioni

Cos’è un bilancio di CO₂?

Con il termine «bilancio di CO₂» si indica quanto CO₂ può essere generato dal proprio stile di vita per limitare il riscaldamento globale a 1,5 °C. Con la ratifica dell’Accordo di Parigi, la Svizzera si è posta l’obiettivo di ridurre le sue emissioni al più tardi entro il 2100 a netto zero, al fine di limitare il riscaldamento globale a 1,5 °C. Questo significa che ogni persona in Svizzera può emettere ogni anno entro il 2100 meno di 0,6 t di CO₂.

Maggiori informazioni

Cosa si intende per «sufficienza»?

La sufficienza riguarda il comportamento dei consumatori. Secondo il principio «meno è meglio» il consumo generale di risorse deve essere ridotto a una quantità sostenibile per il futuro, poiché gli attuali rapporti di distribuzione di beni e risorse non solo è ecologicamente pericoloso, ma è anche dubbio a livello internazionale.

Maggiori informazioni

Cosa sono gli scenari di emissione, i modelli climatici e le proiezioni climatiche?

I modelli climatici costituiscono il fondamento su cui vengono calcolati, sulla base di diversi scenari di emissione, il presumibile clima del futuro, ovvero le cosiddette proiezioni climatiche. I modelli climatici descrivono come funziona il clima terrestre, mentre gli scenari di emissione descrivono l’influenza antropica sull’ambiente. Combinando i modelli climatici con gli scenari di emissione è possibile prevedere con una determinata probabilità come sarà il clima in futuro.

Maggiori informazioni

Compensazione

Cosa sono i certificati CO₂?

I certificati CO₂ indicano la quantità di emissioni che vengono compensate. Un certificato corrisponde a una tonnellata di gas serra.

Maggiori informazioni

Cos’è il Carbon insetting?

L’insetting è la compensazione delle emissioni di un’azienda in un progetto di compensazione (progetto di carbon offsetting) nell’ambito della propria catena del valore. Contrariamente ai progetti di carbon offsetting le emissioni vengono evitate, ridotte o catturate nell’ambito della catena del valore a monte o a valle della propria azienda.

Maggiori informazioni

Per quale motivo devo compensare?

Il cambiamento climatico legato all’attività dell’uomo è una delle sfide principali del 21° secolo. In linea con il motto di myclimate «do the best, offset the rest», le emissioni di CO₂ andrebbero evitate completamente. Poiché tuttavia per il clima è importante soprattutto che vi sia una diminuzione delle emissioni complessive a livello mondiale, è possibile anche compensare le emissioni inevitabili.

Maggiori informazioni

In che modo la mia compensazione contribuisce alla protezione del clima?

I progetti per la tutela del clima di myclimate riducono le emissioni sostituendo le fonti di energia fossile con energia rinnovabile o promuovendo tecnologie efficienti sul piano energetico. I progetti di protezione del clima di alta qualità contribuiscono anche allo sviluppo sociale, ecologico ed economico della regione.

Maggiori informazioni

Non è che la mia compensazione è solo un commercio delle indulgenze per pulirsi la coscienza?

Nel commercio delle indulgenze voi pagate esclusivamente per pulirvi la coscienza, ma con il supporto di un progetto di protezione del clima di alta qualità agite efficacemente a favore del clima e date un contributo prezioso alla protezione dell’ambiente.

Maggiori informazioni

Quanta della mia compensazione confluisce nei progetti?

Una compensazione di CO è efficace solo se il denaro derivante dalla compensazione va effettivamente a beneficio diretto dei progetti per la tutela del clima. Come fondazione di pubblica utilità myclimate assicura che almeno l’80 percento del denaro derivante dalla compensazione sia utilizzato per progetti per la tutela del clima sul posto. Al massimo il restante 20 percento è destinato alla fondazione di pubblica utilità, che ne ha bisogno per coprire i costi interni e di amministrazione.

Maggiori informazioni

Posso avere la certezza che il mio denaro riduca davvero le emissioni di CO₂ promesse?

myclimate investe esclusivamente in progetti concretamente misurabili che generano successi a lungo termine. Nei progetti energetici vengono computate solo le riduzioni delle emissioni dimostrate ed effettive per un periodo contrattuale di lunga durata, ovvero dai 7 ai 14 anni. Il denaro derivante dalla compensazione viene pagato ai progetti supportati in linea generale dopo aver ottenuto una riduzione. L’entità del contributo dipende dall’ammontare delle emissioni con effetti sul clima effettivamente risparmiate. Una particolarità è costituita dai progetti boschivi, il cui orizzonte temporale, per ragioni naturali, è più lungo e varia dai 30 ai 50 anni.

Maggiori informazioni

myclimate genera profitti con la vendita delle compensazioni di CO₂?

No, myclimate è un’organizzazione non-profit e in quanto fondazione utilizza tutto il denaro per la finalità principale, vale a dire la protezione del clima.

Maggiori informazioni

La mia donazione/compensazione è fiscalmente detraibile?

Sì, myclimate e myclimate Germania sono organizzazioni di pubblica utilità e pertanto in Svizzera e Germania sono esentasse. Tutti i pagamenti di compensazione e le donazioni a myclimate sono fiscalmente detraibili sia in Svizzera sia in Germania.

Maggiori informazioni

Rimanga informato/a!